Circondata da ulivi secolari, Sainte Restitude protegge da generazioni gli abitanti di Calenzana e della Balagna.

Questa cappella era una chiesa pagana, una pieve, quando Calenzana era solo una delle sei frazioni che componevano la PIEVE D'OLMIA.

Il recinto dell'attuale cappella era il cimitero pagano poi cristiano di Olmia, ma anche di Calenzana fino al 1837.

L'edificio ha subito numerose trasformazioni: prima era una chiesa romanica (XI e XII secolo), trasformata con l'aggiunta di due cappelle laterali nel XIV secolo, ampliata nel XVI secolo con la grande navata e infine ampliata nel XVIII secolo con un'abside ottagonale con un tamburo su un pendente.

Gli scavi del 1951, guidati dal canonico José Alberti, hanno portato alla luce l'altare romanico, gli affreschi del cenotafio dietro l'altare e il sarcofago contenente le reliquie. La cripta è stata trasformata per esporre il sarcofago.

Secondo la tradizione e la convinzione del canonico Alberti, Restitude e i suoi cinque compagni furono martirizzati nel 304 non lontano da Olmia. Durante la pace costantiniana (metà del IV secolo), i cristiani raccolsero e collocarono le reliquie in un nuovo sarcofago di Carrara e lo portarono nel cimitero di Olmia.

La festa di Santa Restitude, originariamente fissata per il 21 maggio, attira ogni anno migliaia di pellegrini da Calenzana, dalla Balagne e da tutta la Corsica.

Servizi

  • Apparecchiature

    • Parcheggio vicino
  • Visite

    • Visita individuale :
    • Visita di gruppo :

Da sapere

  • Periodo di apertura

    Tutto l'anno, ogni giorno.

  • Accoglienza animali

    Animali non accettati